La teoria di portafoglio

Home|Libri|La teoria di portafoglio

La teoria di portafoglio

34,62 Iva inclusa

Autore: Massimo Intropido

Editore: Investimenti Finanziari – Luca Angelucci Editore

Pagine: 2006

Categoria: Finanza

Edizione: 2002

Lingua: Italiano

Descrizione

E’ uno dei pochissimi testi in lingua italiana che permette di comprendere in maniera chiara ed esaustiva il complesso lavoro del gestore. L’asset allocation è un processo integrato attraverso il quale si definisce il portafoglio ottimale in relazione all’orizzonte di investimento. Secondo le prescrizioni del modello classico, definito da Treynor e Black, una parte del patrimonio deve essere gestita ‘passivamente’, ovvero replicando in benchmark, mentre la restante parte deve essere gestita attivamente cercando quindi di raggiungere gli obiettivi di gestione. Questa seconda parte determina l’ammontare dell’esposizione allo shortfall risk, vale a dire il rischio di conseguire un risultato inferiore a quello del benchmark. L’opera spiega nei dettagli, con numerosi esempi, come può essere svolta con successo l’attività di gestione e quali sono i metodi per valutarne correttamente il risultato.

Capitolo 1 – La Portfolio Theory
Origini e finalità
Scelta dell’attività finanziaria
La Portfolio Theory
Il rischio
La variazione congiunta dei rendimenti, ‘terza dimensione’ della performance
Il prezzo del rischio e l’indice di Sharpe

Capitolo 2 – Il Capital Asset Pricing Model
Premessa
Equilibrio nel mercato dei capitali
Il Capital Asset Pricing Model
Il modello del Singolo Indice
Il coefficiente Beta
Nuovi strumenti per l’analisi di portafoglio
Vantaggi della nuova metodologia

Capitolo 3 – I limiti della Portfolio Theory
Le teorie
I problemi
I limiti della correlazione
Casi di studio
Casi reali
Una nuova consapevolezza

Capitolo 4 – Le fasi del processo di gestione
L’obiettivo del gestore
Lo strumento
Le fasi di lavoro
La suddivisione del lavoro tra i vari specialisti
Il gestore si costruisce il proprio benchmark

Capitolo 5 – Il lavoro del gestore
Introduzione
L’active portfolio
Il complete portfolio

Capitolo 6 – Il stile del gestore
I vincoli di gestione
Vincoli strutturali
L’obiettivo del gestore
L’esposizione di portafoglio
L’esposizione di portafoglio come scostamento da un portafoglio più efficiente del banchmark
Un metodo di calcolo dell’esposizione
Metodo della cosiddetta ‘regola del pollice’
Metodo della Risk Tolerance
La Portfolio Exposure in funzione del vincolo di Shortfall
I differenti stili di gestione e le loro ripercussioni sulla composizione dello swing portfolio
La gestione semiattiva di portfolio

Capitolo 7 – L’approccio dei gestori
L’approccio al problema delle scelte nell’ambito del processo di gestione
L’approccio Top Down
L’Excess Premium e L’Excess Return
La variabilità dell’Excess Premium
L’approccio Bottom Up
La congiuntura
I conti aziendali

Capitolo 8 – La performance dei gestori
La performance come strumento di scelta
Le misure standard della performance
Il metodo Time Weighted
Un esempio pratico
Il rischio
Misure di Risk Adjusted Performance
L’indice di Sharpe
L’indice di Modigliani
L’Information Ratio
L’Alfa di Jensen
Il rating della Morningstar

Capitolo 9 – Ritratto dei gestori
Premessa
Chi è il gestore?
Quali sono i suoi obiettivi di investimento?
Che opinione ha del mercato?
Come lavora?
Su cosa basa le sue decisioni?
Che metodo usa per scegliere i titoli?
Che segnale attende per acquistare i titoli?
Come seleziona i titoli?
La gestione del rischio: definizione del problema
La gestione del rischio: le tecniche utilizzate
Come vengono valutati i gestori
Conclusioni: chi è dunque il gestore?

Torna in cima